BERLINO marzo 2019

ALLA SCOPERTA DEI SERVIZI EDUCATIVI DI BERLINO Tre coordinatori pedagogici della FISM di Modena hanno partecipato a un viaggio di formazione e scambio con la città di Berlino. Hanno visitato cinque servizi per bambini da 1 a 6 anni, alcuni dei quali denominati KITA, acronimo di “Kindertagesstatten” (luogo di permanenza giornaliera dei bambini), altri chiamati “Kindergarten” (giardino dei bambini). La “Regione” di Berlino, così come le altre della Germania, è autonoma nella progettazione e realizzazione di indirizzi pedagogici per l’infanzia e i relativi, nonché ingenti, sostegni politici ed economici. A proposito di sostegno, non si può non fare riferimento alla grande attenzione che ha il sistema educativo berlinese verso le famiglie: infatti, ogni bambino ha il diritto di frequentare i servizi per l’infanzia a partire dal suo primo anno di vita; inoltre, la frequenza è gratuita, potendo le famiglie usufruire di voucher messi a disposizione dal governo federale. Il viaggio ha invitato, o meglio costretto, a mettere in discussione i propri modelli, ad aprirsi a nuove prospettive. Infatti, la curiosità e la voglia di comprendere hanno portato i coordinatori a decentrarsi rispetto al proprio punto di vista, aspetto fondamentale per un’efficace formazione sul campo. A questa prima fase formativa ne è seguita un’altra che ha portato a focalizzare la riflessione su alcune precipue domande: cosa è possibile portare nelle scuole FISM? Quali sono gli elementi che, opportunamente rielaborati e contestualizzati, possono essere una ricchezza per i bambini, le famiglie, le educatrici, le insegnanti che abitano le nostre scuole? Sono stati quindi individuati quattro elementi che restano naturalmente da approfondire: 1. la Partecipazione di bambini e genitori. La partecipazione è un punto di forza dei servizi che sono stati visitati. Alla Kita “Menschenskinder”, una volta al mese il servizio scrive alle famiglie per comunicare le novità. I genitori sono inoltre coinvolti nella ricerca dei principali interessi dei loro figli al fine di integrare le osservazioni svolte dagli educatori (c’è una buona percentuale di uomini). Alla Kita “Sonneninsel” i genitori sono stati coinvolti nella raccolta di idee per ristrutturare il giardino. Alla Kita Frobel, infine, è stato istituito il “Parlamento dei bambini”. 2. L’educazione all’aperto. Durante le giornate di visita tutti i servizi avevano almeno un gruppo di bambini nel giardino, adeguatamente vestiti e muniti di stivaletti impermeabili. L’educazione all’aperto e il movimento sono un punto di forza diffuso che, da un lato, ha un obiettivo legato al benessere fisico, dall’altro alla scoperta attraverso l’utilizzo di elementi naturali come la sabbia e la terra. 3. L’apprendimento della lingua. La “Regione” di Berlino ha realizzato un quaderno documentativo, fornito per ciascun bambino, che viene utilizzato per tutto il percorso educativo da 1 a 6 anni. La presenza di immigrati è molto alta e attraverso questo strumento si intende favorire l’apprendimento della lingua tedesca quale mezzo privilegiato di integrazione culturale. 4. L’Autonomia e la Libertà di scelta. Gli educatori propongono ogni giorno esperienze attraverso spazi strutturati in maniera diversificata e finalizzati ad esperienze specifiche; i bambini possono scegliere dove andare e con quale educatore rapportarsi in base alle loro attitudini e ai loro interessi.

FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM
FISM